il momento è ora

1

Il momento è ora!

Libera, con onestà e coraggio, come sempre , per lasciare che il vento della buona politica continui a soffiare su Orta Nova.

Nel 2011, dopo quasi un ventennio di s-governo delle destre, sono diventata la prima sindaco donna di Orta Nova. Dopo due anni e mezzo di lavoro, onorevole e faticoso, per liberare la città da malapolitica, clientelismo, da un sistema anomalo di gestione della cosa pubblica e da una tecnocrazia a tratti arrogante, inefficiente e vorace, l’esperienza di governo è stata bruscamente interrotta dalla vile iniziativa di nove consiglieri comunali che hanno firmato dinanzi a un notaio lo scioglimento del Consiglio comunale,  facendomi così pagare il “prezzo” per aver sempre preteso il rispetto della legge e per non aver mai ceduto a ricatti e condizionamenti di sorta.

Il 12 gennaio 2014, in piazza Nenni, dalla scalinata del municipio, decido di spiegare, senza infingimenti e senza alcun timore, ai miei concittadini i motivi che di lì a poche ore avrebbero lasciato la nostra città senza quella guida politico-amministrativa che essi avevano scelto democraticamente solo 31 mesi prima.

Quell’urlo liberatorio, denso di verità, di onestà, di coraggio e di dignità è incredibilmente diventato, grazie alla straordinaria e virale diffusione del comizio sul web (www.youtube.com/watch?v=QF3lr-gFSaE), l’urlo di ribellione delle donne e degli uomini onesti di Orta Nova, evidentemente stanchi non solo di un certo modo di fare politica, di un modo nefasto di governare le comunità, di certe consumate e compromesse figure politiche, ma stanchi anche di un intero pezzo di società immobile, composta da inutili professionisti della contemplazione e da saccenti critici con il vezzo di declinare un preteso senso di superiorità rispetto agli altri, ma incapaci di coraggio e di scelte propositive e generose.

All’indomani di quella delusione mi sono ritrovata inaspettatamente sulla ribalta nazionale, chiamata da più parti a partecipare al dibattito politico sulla corruzione, sui gravosi costi che essa provoca e sulla nostra capacità di opporci a quello che sembra – ma non lo è affatto – un destino ineluttabile.

È per questo motivo che ho deciso di raccogliere la sfida di una nuova candidatura a sindaco e di lanciarla alla mia città, alle persone perbene di Orta Nova, che ci sono e sono tante, per assumerci tutti insieme la responsabilità della nostra città, per diventare insieme artefici di un nuovo ordine.

Corruzione, illegalità, degrado civico ed etico hanno spesso la meglio perché la parte sana delle comunità latita dall’agorà, perché diserta la strada, perché si disinteressa della cosa pubblica, perché è indifferente. E intanto così le città muoiono, con il loro nulla osta.

È arrivato il momento delle forti coscienze, di persone coraggiose che entrino nei luoghi in cui si assumono le decisioni in nome e per conto di tutti e si facciano carico delle sorti di tutti. Perché tutti siamo responsabili di tutti. Questo è l’unico antidoto alla malapolitica, al potere e alla ricchezza mal guadagnate e mal gestite.

Siete voi, donne e uomini oneste e perbene, gli unici anticorpi……ed è con voi che desidero condividere il mio impegno e la mia passione per la città.

E’ arrivato il momento di stringerci gli uni agli altri, tutti insieme, per sprigionare le nostre migliori energie, per cooperare, per diventare un esercito fermo nella difesa della nostra città e nella ripugnanza per una vita senza legge e senza rispetto, un esercito fermo nell’appassionata e convinta trasmissione dei nostri valori.

Quelli dell’onestà, della dignità, della libertà, del coraggio, della democrazia.

Il momento è ora!

Share to Facebook
Share to Google Buzz
Share to Google Plus